martedì 1 marzo 2016

Esercizi e allenamenti di Bruce Lee

Come tutti sappiamo Bruce Lee è stato uno dei più grandi esperti di arti marziali del mondo e anche uno dei primi istruttori che iniziò a far utilizzare ai suoi allievi le protezioni. Bruce Lee era un amante della perfezione, passava ore e ore ad allenarsi per potenziare i propri colpi in modo da renderli veloci ma allo stesso tempo potenti. Uno degli esercizi che Bruce Lee amava era il sacco pesante, secondo Bruce non bastava esercitarsi nelle tecniche e nei pesi, ma bisognava anche utilizzare la propria forza e i colpi su un sacco in modo da riuscire a concentrare tutta la forza e poterla sferrare al 100%.

Per quanto riguarda l'allenamento al sacco, Bruce Lee consigliava a tutti di iniziare con una serie di ripetizioni, combinando calci e pugni ripetutamente, in modo da allenare anche le gambe sfruttando la potenza massima dei propri colpi.

Leggi anche: Bruce Lee è il combattente più forte del mondo? - Tutto quello che non sapevate su Bruce Lee


Grazie all'utilizzo del sacco Bruce Lee, riuscì a sviluppare una potenza inaudita nei colpi, alcuni video mostrano gli allenamenti al sacco di Lee e credetemi sono davvero sorprendenti, ogni colpo esprime la massima potenza.
Lee, fu uno dei pochi ad utilizzare il pugno a un pollice, in sostanza solo appoggiando il pugno sul proprio avversario e facendo un movimento d'anca riusciva a far cadere un avversario spingendolo di molti metri e scaraventandolo all'indietro.

In questa foto Bruce Lee esegue delle flessioni sulle punte dei piedi, utilizzando solo un braccio e facendo uso solamente dell'indice.

Potrebbe anche interessarti: Il potentissimo calcio laterale di Bruce Lee - Filosofia di Bruce Lee e Jiddhu Krishnamurti





5 commenti:

  1. Vedo con piacere che avete spiegato nei dettagli l'allenamento di Bruce Lee

    RispondiElimina
  2. io sono una ragazza e ho quasi 24 anni...secondo voi è tardi per iniziare a praticare il kung fu?

    RispondiElimina
  3. non è mai tardi per praticare il Kung Fu fidati, anzi te lo consiglio perché negli anni diventa uno stile di vita e ti piacerà sempre di più

    RispondiElimina
  4. in realtà le flessioni le faceva su pollice e indice; il pugno "appoggiato" - arriva dal wing chun - e consiste nell'appoggiare le punte delle dita a mano aperta completamente aperta all'avversario chiudendo la mano a pugno e roteando l'anca si colpisce, ovviamente Lee esprimeva una grande forza fuori dal comune.

    Per i suoi esercizi Lee faceva costruire appositamente dei macchinari che - a detta di alcuni amici - solo lui era in grado di usare bene. Non a caso, sebbene non avesse una grossa massa corporea (volutamente per meglio sprigionare il suo potenziale) è stato più volte citato per via del suo fisico non solo scolpito ma allenato in tutte le sue parti rendendolo un fisico invidiabile anche chi del body building faceva la sua specialità.

    RispondiElimina