mercoledì 2 marzo 2016

Film con Tom Cruise: L'ultimo samurai

L'ultimo samurai, un film ambientato nel 1876 davvero stupendo che racconta la storia e la tradizione dei samurai giapponesi che per difendere il loro popolo utilizzavano solo spade e archi.

TRAMA: Il capitano americano Nathan Algren (Tom Cruise) data la sua esperienza nel combattimento viene incaricato da un imperatore giapponese per addestrare la sua squadra così da poter combattere i Samurai ribelli.

Nathan, ormai pensa solo a bere per dimenticare le varie uccisioni e tutte le guerre sanguinose che ha dovuto subire sulla propria pelle. Quando il capitano addestra la squadra, non è ancora pronta per poter affrontare in duello i Samurai, ma viene ugualmente deciso di mandarli in battaglia.

Leggi anche: I guerrieri giapponesi chiamati Samurai - Samurai III duello sull'isola Ganryu

La squadra viene infatti sconfitta dai Samurai, e il capitano Nathan viene preso come prigioniero per poter studiare i loro movimenti futuri. Il comandante Nathan viene accudito dalla moglie del guerriero che lui stesso aveva ucciso in battaglia. Dopo lunghi anni di permanenza nel villaggio il capitano comincia a socializzare e ad integrarsi sempre di più nella popolazione dei samurai.

Fino a quando viene liberato è ritorna nella sua città, ma il comandante capisce che la popolazione dei samurai è in realtà molto pacifica e vuole solo difendere la loro cultura, Nathan si schiera dalle parte dei samurai e decide di proteggerli combattendo al loro fianco.

L'imperatore giapponese nel frattempo ha comprato delle nuove armi molto potenti per sbarazzarsi dei ribelli, e quando decide di attaccare i samurai, il capitano Nathan decide di combattere contro l'armata e difendere la tradizione dei samurai.

Potrebbe anche interessarti: La vendetta dei 47 samurai - I ninja più famosi degli anni 80

Nathan nel combattimento indossa per la prima volta l'uniforme dei samurai ed entra a far parte di loro come una famiglia anche se questa volta non riusciranno a fermare le potenti armi nemiche.




Nessun commento:

Posta un commento