martedì 1 marzo 2016

Il campione di pugilato più vecchio del mondo

Ecco un pugile che ha battuto il famoso record di George Foreman ebbene si.. Hopkins è diventato il pugile campione del mondo più vecchio della storia del pugilato conquistandosi il titolo di campione dei medio-massimi.

Hopkins riesce a battere il pugile di appena 28 anni Jean Pascal e si conferma la cintura da campione nonostante i suoi 46 anni che non sono affatto pochi, inoltre il suo curriculum sportivo vede 52 vittorie e soltanto 5 sconfitte totali.

Durante il match contro il giovane Pascal, Hopkins ha lasciato tutti di stucco poiché ha letteralmente battuto ai punti la giovane promessa del pugilato, e non solo si è anche preso gioco di lui durante il match come se stesse combattendo contro un avversario di scarsa preparazione atletica, pensate che al settimo round Hopkins si è permesso di fare qualche flessione prima di continuare nuovamente a combattere.

Leggi anche: Il pugile più debole della storia si ritira - Il pugile con le sopracciglia deboli


Be che dire lui stesso ha ammesso che si sente ancora molto giovane e sa di avere ancora una preparazione atletica che gli permette di poter boxare con un atleta molto giovane, una cosa è certa Hopkins ha rubato il titolo a Foreman aggiudicandosi campione di pugilato più vecchio di tutti i tempi.

Potrebbe anche interessarti: Il campione di Boxe più giovane del mondo - La tragica vita del pugile Emile Griffith





1 commento:

  1. essere un campione a 46 anni è una grandissima soddisfazione pero penso a ragazzi di 20 anni che sono condannati per malattie invalidanti come quelli sulla sedia a rotella mamma mia pero che ingiustizie è che vuoi fare cmq c è gente che dice che a una mezza eta se fai una vita da atleta troppo pesante ti viene l infartocazzate se sta bene se lo fa gradualmente e non si dopa non gli viene se viene + perche deve venire cmq puo venire se lo sforzo è fortissimo senza essere allenati cmq ho sentito dire che se uno è giovane sta bene è superallenato come questi nuotatori professionisti tutti i giorni per anni ti puo dare dei problemi anche se non ti cede be se ci pensi all utlimo è unpezzo di carne e poi è chiaro che anche l acciaio pure non è indistruttibile vabbe sforzi da gunnis da primato ma poi credo che anche con tutti gli esami che vengono sottoposti dai migliori cardiologi del mondo quando dicono che stanno bene in ralta e quasi sicuro io so che sono pochi gli accertamenti dove cè la sicurezz sara pure per questo che muoino all improvisso con un malore be alcuni pure perche si dopano e poi il pugilato è uno sport faticossimo mamma mia soratutto a 46 anni il calo gia si sente a 35 anni 36 anche 34 figurati a 46 anni che fenomeno questo pugile come lo fu george foreman che campionissimo il povero schaf rimase invalido a 23 anni che ingiustizia non la volle accettare fino a farsi uccidere io ho pensato magari vedeva pugili atempati che ancora vincevano cmq a 46 anni il grandissimo mohamed ali se non ci fosse stato un giovanissimo tyson che lo avrebe battuto di sicuro se fosse stato bene e sempre se glielom avrebbero permesso con match puliti forse sarebbe potuto ancora essere yn campione be le vittorie non sarebbero state piu nette a mamalpena che avrebbe potuto vincere e magari a 50 anni avrebbe perso dandogli parechio spago da torcere come del resto jo loise o dempsey qua stiamo parlando di di campionissimi non di semplici campioni poi questi tre per me tecnicamente sono stati i meglio pugili che mettevano a segno eschivavano 8 copi su 10 qundo erano all apice con giovani pugli scarsi tecnicamente che fenoomeni e schivare 7 colpi su 10 ad un mediocre in effetti è questa la bravura del puglile cmq il veloce fu demsey garda ali l unico in grado di battere big george che almeno in teoria nessuno fu in grado di baatterlo nemmeno quel campionissimo di frazier che avevav anche lui una gran tecnica e fiorza e resistenza ai colpi di gran lunga superirie ad ali eppure pare che abbia perso non so se furono matc puliti cmq ali per molto tempo era invincibile

    RispondiElimina