venerdì 11 marzo 2016

Il campione di Taekwondo dopo l'incidente non si arrende

Per un praticante di arti marziali il fisico è praticamente tutto, ma alle volte la vera forza si può trovare dentro di noi basta solamente tirarla fuori come ha fatto il campione di Taekwondo Andreas Sappl che dopo un terribile incidente ha avuto la forza e la volontà di tornare ad allenarsi nella sua palestra.

Andreas un pomeriggio girando in moto, sbatte contro un palo e da quel momento in poi la sua vita cambierà per sempre poiché dopo l'incidente rimane sulla sedia a rotelle.

La sua passione per le arti marziali nasce grazie a suo padre che da buon atleta iscrive suo figlio in palestra già all'età di 6 anni, in seguito a nove anni diventa cintura nera di Taekwondo e le sue doti atletiche non fanno che migliorare giorno dopo giorno.

Leggi anche: Viet Vo Dao, l'antica arte marziale vietnamita - La cintura nera e i dan

Quando nel 1990 subentra nella sua vita l'incidente, Andreas inizialmente non può allenarsi e a malincuore deve accettare la situazione, fortunatamente dopo la sedia a rotelle il giovane non perde la speranza e la sua passione per le arti marziali non cambia, anzi continua ad allenarsi in palestra e i suoi compagni gli danno un sostegno notevole.

Potrebbe interessarti: Il guerriero Shaolin in azione - Il Taekwondo aiuta a migliorare l'elasticità

Andreas ancora oggi nonostante l'incidente si esibisce rompendo delle tavole in legno e si allena costantemente giorno dopo giorno.



Nessun commento:

Posta un commento