sabato 12 marzo 2016

Film del 1954 di Akira Kurosawa: I sette samurai

I sette samurai: Questo film del 1954 è senz'altro una delle pellicole più belle mai realizzate dal grande regista Akira Kurosawa.

Il cast di attori è senza dubbio molto completo infatti nel film troviamo attori come il grande Takashi Shimura, Toshiro Mifune, Isao Kimura e molti altri.

Il film è ambientato in Giappone e racconta la storia di un piccolo villaggio di contadini che stufi di essere derubati dai briganti decidono di assumere dei samurai, il problema è che i contadini non possono ricompensarli come si deve, l'unica cosa che possono offrirgli è vitto e alloggio.

I samurai sono molto orgogliosi e di solito non si battono per una manciata di riso al giorno e quindi per i contadini trovare un samurai diventa quasi impossibile.
Fortunatamente un giorno riescono a convincere un vecchio samurai di nome Kambei Shimada, ma il guerriero consiglia ai contadini di assumere almeno altri sei samurai poiché i briganti sono davvero tanti e senza un aiuto non riuscirebbero a vincere la battaglia.


Dopo una continua ricerca i contadini riescono a convincere altri 5 samurai tutti abili ed esperti combattenti, il settimo samurai (Kikuchiyo) che si aggiunge alla lista non è altro che un figlio di contadini che finge di essere un vero samurai, nonostante i suoi buffi comportamenti si scoprirà in seguito che le sue abilità sono molto simili a quelle di un vero samurai.

Ora i samurai sono sette e sono pronti per difendere il villaggio dai briganti, i guerrieri che dovranno affrontare sono 40, i sette samurai studiano per bene il piano d'attacco e dopo una sanguinosa battaglia riescono a sconfiggere tutti i briganti.

Potrebbe interessarti: Samurai III: duello sull'isola Ganryu - I film di arti marziali e la realtà

Alla fine dello scontro oltre a molti contadini perdono la vita anche 4 samurai, ma nonostante tutto i contadini festeggiano la vittoria consapevoli di essersi liberati per sempre dei pericolosi briganti, dall'altra parte troviamo gli ultimi tre samurai rimasti che invece di festeggiare piangono la morte dei loro amati compagni di battaglia.





1 commento:

  1. da come descritto è sicuramente da vedere o da rivedere...

    RispondiElimina