venerdì 4 marzo 2016

Guglielmo Papaleo "Willie Pep" il pugile indistruttibile

Molti sono i pugili che hanno fatto la storia, sono talmente tanti che non ve li elenco neanche.. Tanto come sappiamo tutti, c'è sempre un nuovo pugile sconosciuto che all'improvviso prende il posto dell'attuale campione del mondo ma questa è un'altra storia.

La mia curiosità sul mondo della boxe mi sta portando ad informarmi sempre di più così da conoscere anche i pugili più sconosciuti o semplicemente persi nella storia. Non ci crederete ma ci sono stati pugili fortissimi che hanno vinto l'impossibile ma poi sono stati dimenticati come se niente fosse. Come saprete tanti anni fa, i pugili combattevano per due soldi e non avevano la fama ed il successo di adesso, tanti pugili combattevano per mangiare e la fame in quegli anni era davvero una cosa terribile. Ecco perché i migliori pugili erano quelli di un tempo, la fame donava l'oro una forza straordinaria!



Tra i vari pugili forse dimenticati troviamo Guglielmo Papaleo di origini calabresi. Guglielmo in seguito venne soprannominato Willie Pep e divenne campione mondiale dei pesi piuma che riusci a mantenere per ben otto anni consecutivi fino alla perdita contro il pugile Sandy Saddler. Willie Pep pesava solo 50 kg ed era alto 1,65 ma aveva un energia pazzesca quando combatteva sul ring.

Agli inizi fece fatica a farsi conoscere poiché ancora un pugile sconosciuto, un giorno però al Madison Square garden si fece notare da un grande pubblico, l'incontro lo vinse alla decima ripresa per ko e da quel momento Willie si guadagnò il mondiale che in seguito lo fece diventare il nuovo campione del mondo. Willie Pep nel 1965 fu eletto anche il miglior pugile nella rivista Ring Magazine e la International Boxing Hall of Fame lo ha riconosciuto come uno dei migliori pugile della storia.


La vera cosa strana di questo pugile italiano non è tanto la sua carriera pugilistica ma un fatto davvero fuori dal normale. L'otto gennaio del 1947 un aereo di linea si schiantò nel New Jersey, a bordo purtroppo c'era anche il nostro campione italiano. Nell'incidente aereo morirono tutti, ma miracolosamente venne ritrovato il corpo di Willie Pep distrutto ma ancora vivo. Incredibile il pugile si salvò e dopo sei mesi tornò addirittura a combattere più in forma che mai. In seguito riuscì anche a diventare nuovamente campione del mondo ed infine si ritirò il 16 marzo del 1966. 



2 commenti:

  1. interessante quanto ho letto di questo nostro italiano di boxe.questo e vero non diventavano ricchi. ma penso che una volta lho facevono proprio x passione.

    RispondiElimina
  2. E' vero che non diventavano ricchi.. Ma credo che più per la passione ai tempi combattevano per la fame

    RispondiElimina