mercoledì 18 maggio 2016

Morte e successi del grande maestro di Karate Mas Oyama

Mas Oyama, nasce a Yong-ho Choi, il 27 luglio 1923, nel piccolo villaggio di Wa-Ryongri Yong-chi Myonchul Na Do, nella Corea del Sud. La sua famiglia era aristocratica ed apparteneva al famoso clan Yangban. Suo padre, Sun Hyang, è stato il sindaco di Kinje, una città vicino al villaggio dove è nato a Yong-ho Choi. A soli nove anni di età, Oyama ha iniziato a studiare Southern Kempo cinese sotto la guida di Mr. Yi, un dipendente della tenuta di proprietà del padre di Oyama. 

Oyama era anche un avido lettore ed è stato profondamente colpito e si è trasferito dopo aver letto la biografia di Otto von Bismark (1815-1898) il cancelliere prussiano (1871-1890) dell'impero tedesco.

Con grandi aspirazioni Oyama in qualche modo sentiva che il suo destino era in Giappone e ha lasciato la Corea all'età di quindici anni. E 'stato in quel momento in Giappone che il giovane Choi ha cambiato il suo nome. Ha adottato il nome di Oyama dalla famiglia che lo prese in amicizia.
Nel 1938, alla giovane età di quindici anni, Oyama ha voluto servire il paese, si è unito  alla Yamanashi Youth Air Force Academy del Giappone con le intenzioni di diventare un pilota. Nel settembre dello stesso anno, Oyama divenne allievo di Gichin Funakoshi, fondatore dello Shotokan Karate, presso l'Università Takushoku.Funakoshi, in seguito un insegnante di scuola ad Okinawa, venne accreditato per aver introdotto il karate in Giappone.Nel corso degli anni Oyama ha sempre parlato molto di Funakoshi. Oyama ha continuato a dire che delle tante cose che ha imparato da Funakoshi, il kata (esercizi formali) è stato il più importante in assoluto.


All'età di diciotto anni, Oyama aveva guadagnato il rango di Nidan nel karate rango (secondo livello di cintura nera). Oyama era rimasto un patriota ed era sempre pronto per il servizio militare speciale. Da un incarico ad un aeroporto vicino a Tokyo, uno scontro provocato da un ufficiale, ha portato il maestro Oyama a colpire l'ufficiale. Anche se trovato colpevole, a causa della provocazione da parte del funzionario, Oyama è stato trasferito in una zona del Pacifico. Tuttavia, la guerra stava appena finendo e fortunatamente è stato interrotto il trasferimento. Ma questa fortuna ha avuto una torsione ironica per Oyama perché significava anche che la sua ricerca di guida per servire il suo nuovo paese era ormai finita.  Lo stress di perdere la sua carriera e il disonore che provava per il suo paese di adozione per aver perso la guerra ha creato grande stress nella vita di Oyama.



Oyama amava assistere alle gare di ballo locali nella zona, al fine di socializzare e rilassarsi dopo la sua formazione nelle arti marziali. E 'stato in un evento di danza che Oyama è venuto in aiuto di una donna che veniva avvicinata da un piantagrane locale. Quando Oyama è intervenuto, il guastafeste, un alto giapponese sospettato di diversi omicidi, divenne infuriato e ha tirato fuori un coltello. Il criminale con il coltello si lancia verso Oyama. Oyama blocca l'attacco e tira un pugno forte alla testa del aggressore, uccidendolo all'istante. A causa di testimonianze dell'incidente, Oyama fu giustificato dai giudici come atto di autodifesa tuttavia, l'impatto della tragedia ha devastato Oyama. Aveva ucciso un uomo con un solo colpo, rimase così triste che decise di abbandonare la sua formazione nelle arti marziali.  L'uomo che uccise aveva una moglie e dei figli in una fattoria nella zona di Kanto vicino a Tokyo, Oyama è andato alla fattoria e vi ha lavorato per diversi mesi. Non li ha lasciati fino a quando la vedova gli aveva assicurato che era finanziariamente in grado di mantenere la fattoria e che per lei non era responsabile della morte del marito. 

Questo è diventato il punto di svolta nella vita di Oyama. Il suo istruttore di Goju-ryu, Nei-Chu gli ha consigliato di andare via, per allenare il corpo e l'anima e per dare al karate la possibilità di controllare la sua vita. Oyama, privo di direzione e un obiettivo si chiese se il karate sia stato un obiettivo realistico. Sarebbe la formazione dl karate a dargli il controllo tanto necessario della sua forza fisica e disciplina mentale? Se il karate gli avrebbe fornito queste caratteristiche, allora avrebbe dovuto darsi completamente alla formazione. Si rese conto che sarebbe stato un viaggio lungo e difficile. Era deciso ad avere successo in questa ricerca.

Nel 1948 Mas Oyama, portando con sé solo i suoi libri e le necessità di base per la cucina, ha iniziato un regime di allenamento arduo in cima al Monte Minobu nella Prefettura di Chiba. Il Monte Minobu è lo stesso luogo dove il famoso samurai secolo XVII, Miyamoto Musashi, ha ricevuto l'ispirazione per Nito Ryu, il sistema di un'arma a doppio celebre. Per Oyama, questo era il posto ideale per allenarsi ed essere ispirato nella stessa tradizione, come il suo idolo, Musashi. Dei libri che Oyama prese con sé in questo viaggio, nessuno era più importante della raccolta su Musashi, da Yoshikawa. Per diciotto mesi, isolati in montagna, Oyama si è testato contro gli elementi della natura con tali scenari come la formazione e la meditazione sotto le cascate di ghiaccio, l'esecuzione di innumerevoli salti sopra cespugli e massi e l'utilizzo di alberi e le rocce per condizionare le sue mani, piedi e gambe. 

Avrebbe iniziato la formazione alle cinque del mattino, correndo su pendii ripidi. Utilizzando grandi rocce come pesi, le avrebbe sollevate centinaia di volte per aumentare la sua forza. Inoltre, si è esibito nel kata un minimo di un centinaio di volte al giorno, così come centinaia e migliaia di ripetizioni di kihons (tecniche di base), continuamente spingendo ai limiti della resistenza umana. A conclusione del suo allenamento quotidiano, avrebbe letto vari scritti buddisti e meditato. Cominciò anche a visualizzare se stesso sconfiggendo un toro a mani nude. Se fosse riuscito a sconfiggere un toro con la sua potente nel karate, sarebbe diventato famoso. Ma non era la fama che cercava. La fama, pensava, sarebbe uno strumento. Se avesse potuto attrarre l'interesse da parte degli altri, avrebbe potuto illuminarli sui punti di forza e virtù del karate e lui avrebbe avuto successo non solo nel suo obiettivo di dominare il karate, ma di istruire gli altri nel modo del karate puro. 

Poco dopo il suo ritorno dalla formazione in montagna, il primo torneo di karate a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, si è tenuta in Giappone. Oyama ha gareggiato in questo torneo tenutasi al Maruyama Kaikan di Kyoto  ed è diventato il primo campione del torneo. Ma Oyama era un giovane molto forte e ancora non è era pienamente soddisfatto. Sentiva ancora che qualcosa mancava nelle sue arti marziali e che non aveva davvero raggiunto il suo pieno potenziale. Oyama tornato in montagna per un altro anno di estenuanti giornate di formazione quattordici ore al giorno. Fino ad oggi, non c'è altra persona che ha intrapreso un tale regime di allenamento all'interno delle arti marziali. Dopo questo periodo di isolamento e la formazione definitiva, Oyama è tornato alla civiltà pronto ad applicare tutto quello che aveva imparato. 


Mas Oyama, al fine di mostrare la forza del suo karate, ha testato la sua forza contro dei tori da combattimento. In tutto, ha combattuto 52 tori.  Non che vuol dire che è stato tutto così facile per lui. Nel 1957, all'età di 34 anni, è stato quasi ucciso in Messico, quando un toro lo ha incornato. Oyama in qualche modo è riuscito a tirare fuori il toro e a rompere il suo corno. E 'stato costretto a letto per 6 mesi. Oggi, naturalmente, i gruppi per i diritti degli animali avrebbe qualcosa da dire su queste manifestazioni, nonostante il fatto che gli animali sono stati tutti destinati alla macellazione.



Nel 1952, ha viaggiato negli Stati Uniti per un anno, dimostrando che il suo karate dal vivo e nella televisione nazionale. Durante gli anni successivi, ha sfidato vari maestri di arti marziali e la stragrande maggioranza di questi sono stati sconfitti con un solo pugno! Le lotte non duravano più di tre minuti, e la maggior parte raramente è durata più di un paio di secondi. Oyama ha usato questa notorietà per aiutare a stabilire la sua organizzazione nel Kyokushin. La reputazione di Oyama è cresciuta sconfiggendo lottatori, pugili e judoka. Oyama divenne leggenda vivente fino alla sua scomparsa il 26 Aprile 1994, all'età di 71 anni. 



Nessun commento:

Posta un commento